Detrazioni spese mediche: tutte le istruzioni per il 730

28 Ottobre, 2019 9:58 pm

Detrazioni spese mediche e sanitarie 2019. Tutto quello che c’è da sapere.

Le spese mediche danno diritto ad una detrazione del 19%, al netto di una franchigia di Euro 129,11. Per usufruire della detrazione, le spese devono essere incluse nella dichiarazione dei redditi.

Scopri come puoi detrarre (diminuire le imposte da pagare) parte delle spese mediche sostenute durante l’anno dal tuo Modello 730.

 

medicine pillole e box

Quali spese mediche si possono detrarre??

Danno diritto alle detrazioni spese mediche:

  • le spese mediche generiche (comprese le spese per medicina omeopatica) e specialistiche,
  • le analisi,
  • l’acquisto di farmaci e di dispositivi medici, tra cui gli occhiali da vista e le lenti a contatto (compresi i relativi liquidi).

L’elenco completo dei dispositivi medici che danno diritto alla detrazione si trova al seguente link.

chiedi

Chi può detrarre le spese mediche?

Le detrazioni possono essere fruite solo se le spese sono effettivamente a carico di chi le ha sostenute e nel limite dell’imposta lorda annua. L’eventuale eccedenza non può essere chiesta a rimborso né utilizzata nel periodo d’imposta successivo.

La detrazione delle spese mediche e sanitarie è ammessa anche per quelle sostenute nell’interesse dei familiari fiscalmente a carico e, in alcuni casi, nell’interesse di familiari non a carico (spese sanitarie per patologie che danno diritto all’esenzione dal ticket sanitario).

Un familiare è considerato fiscalmente a carico se possiede un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili.

 

Come certifico le spese mediche sostenute?

I medici e le strutture sanitarie hanno l’obbligo di comunicare al Fisco i dati delle prestazioni effettuate, così come le farmacie e le para-farmacie devono comunicare al Fisco i dati dei medicinali venduti.

Nonostante il Fisco, quindi, conosca le spese mediche sostenute, occorre conservare la seguente documentazione:

  • fatture di visite, analisi e cure mediche;
  • scontrini parlanti dell’acquisto di farmaci.

Cos’è lo scontrino parlante?

La detrazione per l’acquisto dei farmaci è possibile solo se si richiede lo “scontrino parlante”, che contiene l’indicazione della natura, qualità e quantità dei farmaci e il codice fiscale dell’utilizzatore dei medicinali.

Il codice fiscale viene ricavato dalla tessera sanitaria (che occorre quindi dare al farmacista) o dalla prescrizione medica.

Come si effettua la detrazione delle spese mediche sostenute?

Per usufruire delle detrazioni spese mediche occorre presentare la dichiarazione dei redditi nella quale tali spese siano inserite. Nella dichiarazione 730 o Unico precompilati le spese mediche dovrebbero essere già inserite (è sempre opportuno controllare la documentazione di cui si è in possesso).

 

Per quanto tempo devo conservare le fatture e gli scontrini parlanti?

Le fatture e gli scontrini parlanti devono essere conservati per almeno 7 anni. In pratica tutto il tempo in cui l’Agenzia delle entrate può effettuare un accertamento (fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione).
Conviene sempre provvedere ad effettuare una scansione o almeno una fotocopia perché gli scontrini si deteriorano dopo qualche anno.


chiedi

 

 

PER APPROFONDIRE la normativa su Detrazione spese mediche 2019:

Guida dell’Agenzia delle Entrate “Le agevolazioni fiscali sulle spese sanitarie”, disponibile al seguente link

Circolare 20/4/2005 n. 15
Risoluzione 29/9/2009 n. 253
Risoluzione 16/2/2010 n. 9
Risoluzione 17/2/2010 n. 10
Circolare 4/4/2017 n. 7