Coronavirus: decreto chiusura attività

22 Marzo, 2020 6:53 pm

Coronavirus: decreto chiusura attività. Nella giornata di sabato il Presidente del Consiglio ha annunciato un nuovo Decreto in un contesto di emergenza COVID-19: fino al 3 aprile resteranno CHIUSE tutte le attività” non essenziali”.

In allegato troverete i nuovi codici ATECO (relativi alle attività essenziali dopo l’accordo tra sindacati e governo, il 25 marzo) che sono autorizzati a proseguire l’attività in deroga al blocco.

decreto chiusura attività

Quali attività restano aperte?

Coronavirus: nuovo decreto chiusura attività

Mercoledì sera il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha siglato un nuovo decreto che contiene le nuove misure restrittive per contrastare l’emergenza coronavirus.

Dall’intesa tra Governo e sindacati sono scaturite novità sulle attività produttive INDISPENSABILI con conseguente modifica dell’elenco Ateco pubblicato in precedenza.

Di seguito l’elenco aggiornato al 25 marzo 2020:

Imprese chiuse: quando riprenderanno le attività?

Le imprese che ora resteranno chiuse in base al decreto potranno completare le attività entro il 25 marzo, compresa la spedizione della merce in giacenza.

Attività escluse dal decreto

In deroga al divieto sono inoltre consentite le attività (non incluse nell’allegato sopra riportato) che risultano essere funzionali ad assicurare la filiera delle attività di cui all’allegato, previa comunicazione al Prefetto della Provincia che valuterà.

Quali attività restano aperte, quali con limitazioni e quali chiuse?

In particolare, prosegue l’attività delle imprese:

  • per la fabbricazione di confezioni di vetro per alimenti, di batterie e pile, macchine per imballaggi;
  • agenzie di somministrazione

invece, stop per le imprese:

  • per la fabbricazione di corde, articoli in gomma, macchine per l’agricoltura e per l’industria alimentare,
  • per la fabbricazione di prodotti dalla lavorazione di minerali non metalliferi.

Infine, attività limitata per imprese:

  • di call center, con esclusione delle attività in uscita
  • fabbricazione di carta (stop per i produttori di carta da parati) , articoli in materie plastiche
  • di ingegneria civile
chiedi

Articoli correlati:

Decreto “Cura Italia” – Le proroghe fiscali